Le protezioni solari: filtro chimico o fisico, l’eterno dilemma

Chimico o fisico, che filtro scelgo? La chimica fa male? Queste alcune delle domande che ci vengono fatte dalle nostre clienti.

Inizio a rispondere con una citazione di Baraldini dal suo blog  Nonsensecosmethic:

Tutti i filtri solari sono CHIMICI perché tutte le sostanze esistenti, l’acqua, l’emoglobina, la clorofilla, ecc. sono chimiche.  Tutti i filtri solari sono FISICI in quanto il fenomeno fisico di assorbire, diffondere e/o riflettere le radiazioni elettromagnetiche è comune a tutte le sostanze.!

Tutto ciò che il mercato propone, acquistato da canali autorizzati è testato e protegge, la scelta del prodotto specifico dipende dalle performance che volete ottenere. A prescindere però dal vostro stile di vita al sole, scegliete un solare ricco di antiossidanti.

Perché parlo di stile di vita?

Il filtro chimico protegge a partire da 30mn dall’applicazione, si deve attivare. I prodotti con questo tipo di filtro sono molto gradevoli, si stendono facilmente, agiscono assorbendo e modificando l’energia del raggi, ma applicateli prima e ricordatevi di riapplicarli tenendo conto dei 30mn. Il filtro fisico, per esempio il Biossido di Titanio, è attivo da subito, questo tipo di filtro rende però le composizioni biancastre e in genere meno gradevoli, ma proprio per questo sono riflettenti e disperdono la maggior parte dei raggi.

I filtri sono tossici?

La questione resta controversa, anche per gli esperti, la tossicità sembra essere minima. Io però non mi addentrerei in certi labirinti e dico: se io mi espongo con intelligenza, quindi non sto al sole per 12 ore ricoprendomi di protezione solare tutti i giorni per 3 mesi all’anno, che probabilità ho di subire danni sia da sole che da solare? Poche. Usiamo il buon senso, la questione tossicità la lascerei agli australiani, per esempio.

Fate la vacanza in barca? Oltre all’augurarvi buon divertimento e a dirvi bravi per l’ottima scelta, vi invito a stare sotto coperta negli orari critici, nessun solare può cautelarvi dai danni del sole in quella fascia oraria, nessuno, e non mi dite “ho la protezione totale”, non esiste la protezione totale, qui  entriamo nell’uso indebito e impunito ancora oggi dei claim.

Personalmente uso entrambi i filtri: preferisco quello fisico su viso, collo, decolleté e mani, per il resto del corpo uso un filtro chimico.

Non mi espongo mai tra le 10 e le 16, perché non c’è protezione che ci ripari a sufficienza: NESSUNA PROTEZIONE VI PROTEGGE ABBASTANZA DURANTE QUELLA FASCIA ORARIA RIPETO e vi raccomando di fare lo stesso.

Buon sole a tutti amici.

Chiara

0 comments on “Le protezioni solari: filtro chimico o fisico, l’eterno dilemma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *